blog

5 Ottimi Motivi per scegliere la Pubblicità in Esterna

1. Grande impatto visivo

La pubblicità esterna cattura l’attenzione dei potenziali clienti come nessun altra forma di pubblicità.

I Poster m.6×3 e i Manifesti cm.100×140 possiedono una sorta di monopolio per quanto riguarda tale pubblicità. Non esiste un altro mezzo capace di realizzare tanti contatti al giorno con il consumatore.
Le affissioni sono collocate in aree ad alta intensità di traffico, automobilistico e di pedoni, in modo da aumentare la visibilità di ogni singolo poster, anche più volte al giorno.

2. Posizionamento Strategico

La pubblicità esterna permette di individuare, pianificare e testare strategicamente una precisa area d’azione in prossimità di un punto vendita o di luogo ben preciso, indirizzando clienti e potenziali tali al luogo di affari voluto.

3. Ampio Bacino d’Utenza

La scelta di utilizzare un messaggio pubblicitario in esterna offre la grandissima possibilità di essere visto da molte persone e per molte volte.

Questo perché implica uno sforzo minimo da parte dei destinatari che non devono, ad esempio, sintonizzarsi su una delle ormai tantissime reti televisive o acquistare un giornale come invece accade per gli altri media.

4. Messaggio Pubblicitario Accattivante

Gli annunci creativi e accattivanti hanno più impatto.

La pubblicità esterna deve essere semplice e concisa, un messaggio ridotto alla minima espressione verbale ed ampliato alla massima espressione grafica.

I manifesti pubblicitari esterni possono essere molto attraenti, in quanto, almeno per quanto riguarda i poster m.6×3 che si trovano ai lati delle strade, la dimensione è già un valore in sé.

Per questo tipo di pubblicità è necessario che il messaggio sia molto breve e facile da elaborare, in quanto le persone in genere vedono l’affissione mentre sono in movimento.

5. Consapevolezza del Marchio e Riconoscimento del Nome

Le basi attraverso cui si crea il valore di marca sono:

  • la consapevolezza della marca, ovvero la capacità del brand di essere ricordato e riconosciuto, capacità che deriva dal processo mentale con cui il consumatore lo identifica, e
  • l’immagine di marca, descritta invece dalla percezione dei valori associati alla marca da parte dei consumatori.

La principale difficoltà affrontata dalla pubblicità esterna è la competizione con il paesaggio, con tutto ciò che succede intorno ad essa, e deve quindi sviluppare un’efficace capacità di sorpresa per richiamare immediatamente l’attenzione dei passanti attraverso un forte impatto visivo.

Il tempo che una persona, a piedi o in automobile, può dedicare ad una pubblicità, varia da 3 a 30 secondi, e spesso si tratta di un messaggio visto e rivisto, che ci entra nella testa in maniera involontaria, tanto che spesso lo ricordiamo senza neanche sapere dove l’abbiamo visto.


data: 21/3/2011 | di: sangiorgiopubblicita